Carabinieri - News

Carabinieri - News

Servizio RSS - Db_news offerto da www.carabinieri.it
  • Criminalita': controlli nel Cosentino, arresti per droga e furto

    (AGI) - Cosenza, 18 lug. - I militari della Compagnia Carabinieri di Corigliano Calabro (Cosenza) hanno arrestato un 23enne di Trebisacce, ma residente a Rocca Imperiale, per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio e un 43enne coriglianese per il furto di oltre 100 chili di infissi sottratti da una palazzina. A Trebisacce, i militari hanno perquisito l'abitazione del giovane, gia' noto alle forze dell'ordine, nella quale vi erano anche la madre e il fratello. All'interno degli indumenti del giovane, nell'armadio della sua camera da letto, e' stata trovata una bustina con circa 10 grammi di marijuana. Poi i carabinieri hanno anche scoperto quasi 4.000 euro in contanti e anche tutto l'occorrente per la vendita dello stupefacente: materiale per il confezionamento, un coltellino, un grinder per il taglio delle sostanze e un bilancino di precisione. Allo Scalo di Corigliano, invece, nella centralissima Via Nazionale, una pattuglia in perlustrazione si e' accorta che un uomo stava compiendo un furto all'interno di un palazzo momentaneamente disabitato, perche' in fase di ristrutturazione, ed appartenente ad una societa' locale che aveva ottenuto l'immobile dopo un periodo durante il quale era stato sottoposto a sequestro penale per un incendio divampato al suo interno. Il ladro stava asportando, dopo averli tagliati a pezzi, degli infissi in alluminio da un'abitazione sita al piano terreno della palazzina e li stava caricando all'interno della propria autovettura, appositamente modificata: addirittura era stato staccato il lunotto posteriore per meglio infilare i lunghi lamierati. Gli infissi in alluminio recuperati avevano un peso di oltre 100 chili e sono stati restituiti alla societa' proprietaria. (AGI) Cs2/Lil
  • Incendi: Pomezia, danno fuoco a auto, 3 denunciati da carabinier

    (AGI) - Pomezia (Roma), 18 lug. - I carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Pomezia hanno denunciato tre persone, due 30enni ed un 43enne, tutti italiani, due residenti a Pomezia ed uno ad Ardea, con precedenti, con l'accusa di danneggiamento a seguito di incendio di un'autovettura parcheggiata sulla pubblica via. I militari nel corso della notte, sono intervenuti a seguito di richiesta al numero unico di emergenza "112" in Largo Giacomo Leopardi a Pomezia, dove era stata segnalata un'autovettura data alle fiamme. Arrivati sul posto, i carabinieri hanno subito notato i tre che cercavano di nascondersi dietro il muro di un palazzo poco distante dall'auto in fiamme e li hanno subito bloccati. I piromani sono stati trovati in possesso di diversi accendini e di un coltello a serramanico. Proseguono le attivita' d'indagine volte a capire se i tre uomini abbiano in passato commesso analoghi reati. (AGI) Vic
  • Smaltimento illecito rifiuti nel Verbano, multe da 2,4mln

    (ANSA) - MALESCO (VCO), 18 LUG - Sanzioni amministrative per un valore di circa 2,4 milioni di euro sono state inflitte all'impresa committente dei lavori di realizzazione di una centrale idroelettrica costruita nei Comuni di Cavaglio Spoccia, Cursolo Orasso, Falmenta e Gurro, nel Verbano. I carabinieri forestali hanno accertato che il materiale di risulta è stato trasportato e scaricato a Malesco, su terreni di proprietà comunale, in assenza di autorizzazioni e senza la redazione degli appositi formulari di accompagnamento al carico. Particolarmente ingente il materiale scaricato, circa 13 mila tonnellate, su un'area di 3 mila metri quadrati incompatibile con la destinazione d'uso prevista Piano Regolatore del Comune di Malesco. La zona è infatti classificata ad alto rischio idrogeologico per la vicinanza al Torrente Melezzo con conseguente divieto di accumulo di materiale inerte o fangoso. I terreni in aggiunta sono sottoposti a vincolo paesaggistico. Il Comune di Malesco, in Valle Vigezzo, ha adottato apposita ordinanza di ripristino dello stato dei luoghi. I carabinieri forestali hanno denunciato il direttore dei lavori e il capo cantiere. (ANSA).
  • Furti tra Calabria e Campania, 7 arresti a Cosenza e Corigliano

    (AGI) - Salerno, 18 lug. - Sono coinvolte nel furto di oggetti in oro nella cattedrale di San Pantaleone di Vallo della Lucania, nel Salernitano, avvenuto la notte del primo febbraio dello scorso anno, le sette persone arrestate dai carabinieri nell'ambito di un'indagine della procura vallese. I militari dell'Arma hanno eseguito, a Cosenza e a Corigliano Calabro, l'ordinanza di misura cautelare in carcere nei confronti di cinque romeni e due italiani che devono rispondere di associazione per delinquere. Sono tuttora ricercati in Italia altri due romeni. L'inchiesta e' stata avviata dopo il 'colpo' sacrilego nella basilica nel centro di Vallo della Lucania, per il quale sono state gia' eseguite altre 7 misure cautelari in carcere a pochi giorni di distanza dal fatto; una parte della refurtiva, e' stata anche ritrovata. Gli inquirenti, analizzando il traffico telefonico rilevato nelle zone interessate dai raid, sono riusciti a ricostruire la dinamica di diversi furti, almeno dieci. I sette indagati erano organizzati e ognuno di loro aveva ruoli e mezzi ben precisi. I loro obiettivi erano, in particolare, negozi, bar, tabacchi e sale giochi della Campania e della Calabria. I furti sono avvenuti tra il settembre 2016 e il febbraio 2017 nei comuni di Diamante, Saracena, Belvedere Marittimo e Fuscaldo, nel Cosentino, di Lioni e Morra de Sanctis, nell'Avellinese, di Mondragone, nel Casertano. (AGI)Sa2
  • Associazione dona defibrillatore a carabinieri Palmi

    (AGI) - Reggio Calabria, 18 lug. - Il presidente della onlus "Amici del Cuore", Rosario Ortuso, gia' primario del reparto di cardiologia presso gli ospedali di Palmi e Gioia Tauro, e il dott. Giovanni Calogero, della scuola di formazione dell'ASP, hanno ufficialmente consegnato, nella caserma che ospita la Compagnia Carabinieri di Palmi, agli uomini dell'Arma un defibrillatore semi automatico. "La donazione del defribillatore ai Carabinieri - spiega una nota dell'Arma - rientra nel piu' ampio progetto "Palmi cardioprotetta" promosso dal dott. Ortuso, preceduta da una mirata sessione formativa a favore dei militari che lo impiegheranno, a cui l'onlus "Amici del Cuore" ha fornito le nozioni necessarie all'impiego dello strumento medico, e si aggiunge a quelli gia' istallati a Palmi nei giorni scorsi". (AGI) Adv
  • Drink alla cannabis è nocivo,carabinieri sequestrano lattine

    (ANSA) - TORINO, 18 LUG - Blitz dei carabinieri ad Avigliana, nel Torinese, in un negozio specializzato nella vendita di prodotti alimentari a base di cannabis. I militari, insieme ai colleghi del Nas, hanno sequestrato 120 lattine di 'cannabis energy drink', 14 confezioni da 20 grammi di tisana e infiorescenze di canapa. Dai controlli è emerso che alcuni prodotti, in contrasto con la normativa vigente, avrebbero potuto essere nocivi per la salute. (ANSA).
  • Fugge da comunità, latitante catturato nel Varesotto

    (ANSA)- SARONNO (VARESE), 18 LUG - Un romeno di 42 anni, latitante ricercato da dieci mesi perché condannato a undici anni (di cui due già scontati) per ricettazione, sostituzione di persona e altri reati contro il patrimonio, è stato rintracciato e arrestato dai carabinieri a Saronno (Varese). A quanto si è appreso l'uomo era fuggito da una comunità terapeutica di Bologna, in cui stava scontando la pena alternativa. I militari della compagnia di Saronno, dopo aver individuato come possibile nascondiglio del latitante un condominio nel quartiere Matteotti, hanno eseguito alcuni appostamenti e sono intervenuti. All'interno di un appartamento, dove vive una donna, i carabinieri hanno trovato gli effetti personali del 42 enne e, dopo aver circondato il palazzo, lo hanno trovato in un box. Finirà di scontare la pena nel carcere di Busto Arsizio (Varese). È al vaglio degli inquirenti la posizione della proprietaria di casa, sospettata di favoreggiamento. (ANSA).
  • Droga: spaccia nei pressi fermata tramvia, arrestato

    (ANSA) - FIRENZE, 18 LUG - Un uomo di 28 anni, di origine nigeriana, già noto alle forze dell'ordine e richiedente asilo politico, è stato arrestato dai carabinieri di Scandicci (Firenze) per spaccio di sostanze stupefacenti. Il 28enne, è stato sorpreso mentre, nei pressi della fermata Aldo Moro della linea tramviaria Firenze-Scandicci, cedeva una dose di eroina ad un altra persona. Il nigeriano, dopo una breve contrattazione, ha tirato fuori dalla bocca una 'pallina' poi consegnata al suo 'cliente'. I carabinieri, intervenuti immediatamente, hanno fermato entrambi ritrovando la dose di eroina nelle tasche dell'acquirente e i soldi ancora in mano allo straniero che è stato arresto per spaccio di sostanze stupefacenti e che sarà giudicato per direttissima.(ANSA).

Chi è online

Abbiamo 22 visitatori e nessun utente online

Contattaci