Carabinieri - News

Carabinieri - News

Servizio RSS - Db_news offerto da www.carabinieri.it
  • Rifiuti: sequestrate 2,3 tonnellate scarti, denunce

    (ANSA) - FIRENZE, 11 DIC - Oltre 2 tonnellate di scarti tessili industriali sono state sequestrate dai carabinieri la notte scorsa a Calenzano (Firenze) e a Prato. Quattro persone sono state denunciate per il reato di sversamento illegale di rifiuti. Le verifiche sono scattate dopo che due giovani, un cinese e un pakistano, sono stati fermati per un controllo a Calenzano, mentre viaggiavano a bordo di un furgone dove avevano caricato circa una tonnellata di scarti tessili. Per entrambi è scattata la denuncia. I controlli si sono estesi a due ditte tessili del pratese, per contro delle quali lavoravano i due, dove sono stati sequestrati altri 1.300 chilogrammi di scarti. I titolari delle due aziende, cinesi, sono stati denunciati.(ANSA).
  • Taglia 36 alberi di castagno nel Parco delle Serre, arrestato

    (AGI) - Vibo Valentia, 11 dic. - E' stato sorpreso dai Carabinieri a tagliare con una motosega 36 alberi di castagno all'interno del Parco regionale delle Serre. Con l'accusa di furto aggravato di legname, i militari dell'Arma hanno arrestato D.C., 29 anni, di Gerocarne, nel Vibonese, gia' noto alle forze dell'ordine. Gli alberi, gia' tagliati in tronchi, erano pronti per essere immessi sul mercato. Il 29enne, dopo le formalita' di rito, e' stato posto agli arresti domiciliari in attesa del rito direttissimo in Tribunale a Vibo Valentia. La motosega e i tronchi di castagno sono stati sequestrati su disposizione dell'autorita' giudiziaria. (AGI) Vv2/Adv
  • Sicurezza: Firenze, 200mila euro per telecamere anti-rapina

    (ANSA) - FIRENZE, 11 DIC - Negozi più sicuri con le telecamere anti rapina. A questo punta il progetto di Camera di Commercio di Firenze per sostenere economicamente le pmi della città metropolitana di Firenze che vorranno dotarsi di sistemi di sicurezza e video-allarme anche connessi con le centrali operative di Polizia e Carabinieri. Nell'ultima seduta, la giunta ha stanziato la somma complessiva di 200mila euro per coprire, con contributi a fondo perduto, il 50% delle spese sostenute per l'adeguamento o l'installazione di telecamere antirapina, impianti di video-allarme e videosorveglianza all'interno delle imprese (fino a un massimo di 3mila euro per ogni singola azienda). L'anno scorso, dopo che l'esigenza emerse all'interno del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza, il contributo di Camera di Commercio di Firenze ha permesso l'installazione di circa 70 impianti in negozi e piccole e medie imprese in genere. Quest'anno è previsto che almeno altre 80 telecamere possano essere installate con il nuovo intervento. Possono ottenere il contributo le imprese con sede legale oppure operativa nella città metropolitana di Firenze. La domanda andrà indirizzata alla Camera di Commercio di Firenze dal 2 gennaio al 15 febbraio 2018, ma la fattura della spesa effettuata deve essere relativa al 2017. Camera di Commercio liquiderà il contributo a tutte le imprese che avranno presentato domanda regolare, eventualmente riducendo il contributo spettante proporzionalmente alle spese sostenute qualora i fondi non fossero sufficienti a coprire tutte le richieste. (ANSA).
  • BARI: MINACCIATI PER SOLDI DROGA E ALCOOL, GENITORI FANNO ARRESTARE FIGLI

    Bari, 11 dic. (Adnkronos) - Due genitori coraggiosi, vittime di estorsioni da parte dei figli, entrambi di Molfetta, in provincia di Bari, hanno chiamato i carabinieri che hanno arrestato in flagranza, in diverse circostanze, un 19enne ed un 42enne con problemi di alcool e droga. Il primo episodio verso le 12.00 di ieri: i carabinieri sono intervenuti nell'abitazione di M.C. 19enne sempre alla ricerca di denaro per l'acquisto di droga. I genitori, ormai stanchi di acconsentire ad ogni richiesta violenta e minacciosa del figlio, avevano deciso di fermare l'escalation. Mentre stavano esponendo i fatti ai militari, il giovane ha tentato la fuga spingendo i carabinieri per guadagnarsi l'uscita ma è stato arrestato, oltre che per estorsione, anche per resistenza a pubblico ufficiale. Verso le 16.30 il secondo episodio: altre pattuglie della stessa Compagnia sono intervenute per un'altra aggressione in famiglia. In questo caso A. G. 43enne, operaio, con precedenti, ha minacciato il padre 80enne con un coltello, pretendendo, per l'ennesima volta, denaro per acquistare alcool e droga. Nella circostanza l'anziano ha abbandonato l'abitazione ed ha chiamato il 112. All'arrivo dei carabinieri il 42enne, rimasto in casa in attesa del rientro del genitore, è stato arrestato. Il coltello lungo 8 centimetri, è stato sequestrato. (Pas/Adnkronos)
  • Nomadi bloccate con refurtiva da 9 negozi in due passeggini

    (ANSA) - MILANO, 11 DIC - Quattro donne residenti nel campo nomadi in via Chiesa Rossa, nella periferia sud di Milano, sono state arrestate per aver commesso furti in nove attività commerciali in una sola giornata. Le quattro (una all'esterno con due passeggini e le altre tre dentro), di 43, 53, 34 e 31 anni, sono state bloccate dai carabinieri del radiomobile all'interno di una profumeria in zona Buonarroti. Quando i carabinieri, chiamati da un vigilante, le hanno bloccate, nei due passeggini sono stati trovati vestiti, profumi, giocattoli e gadget per oltre mille euro provenienti da sei negozi, due supermercati e un'edicola. (ANSA).
  • ROMA: LE RUBA BORSA MENTRE SI FA SELFIE A PIAZZA SPAGNA, ARRESTATO

    Roma, 11 dic. (AdnKronos) - Si stava aggirando con fare sospetto tra i numerosi turisti in visita a piazza di Spagna e, dopo essersi ''mimetizzato'' tra la folla che stava fotografando la scalinata, ha ''puntato'' una cittadina straniera che si stava facendo un selfie con il suo telefono. Approfittando di un momento di distrazione della vittima, il 28enne le ha portato via la borsa che aveva momentaneamente poggiato a terra, ma i carabinieri della stazione Roma San Lorenzo in Lucina sono intervenuti e hanno bloccato il ladro. I guai per il ladro non sono finiti qui: una volta in caserma, infatti, il 28enne ha ingenuamente fornito delle false generalità, esibendo ai militari una patente di guida rilasciata dalle autorità del Regno Unito che fin da subito ha generato più di qualche dubbio. Il documento, grazie agli accertamenti, è risultato falso e per questo è stato anche denunciato con l'accusa di falsità materiale. Il 28enne, originario della Francia e in Italia senza fissa dimora, è stato arrestato per furto aggravato. L'arresto è avvenuto nell'ambito dei controlli che i carabinieri del comando provinciale di Roma hanno intensificato nel centro storico e nelle aree più sensibili, visitate quotidianamente da migliaia di turisti che affollano la Capitale in questi giorni. (Sci/AdnKronos)
  • CAMORRA: AI DOMICILIARI PER MOTIVI SALUTE, DOPO VISITA CONTROLLO TORNA IN CARCERE

    Napoli, 11 dic. (AdnKronos) - Durante una visita di controllo, disposta dalla Dda, è emerso che può scontare la pena in cella. L'uomo, un 55enne ritenuto uno dei reggenti del clan dei Mallardo attivo a Giugliano (Napoli) e nei comuni limitrofi, è dunque stato riportato in carcere. Condannato in primo grado a otto anni di reclusione per estorsione aggravata dal metodo mafioso accertata e commessa a Giugliano nel 2012, era stato successivamente, a causa di motivi di salute, posto ai domiciliari. Ma una recente visita di controllo effettuata da un medico incaricato dalla Direzione distrettuale antimafia ha fatto emergere una novità: le sue condizioni di salute sono compatibili con la carcerazione in un istituto di pena. I carabinieri della stazione di Giugliano in Campania hanno quindi dato esecuzione a un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal tribunale di Napoli su richiesta della Direzione distrettuale antimafia partenopea a carico dell'uomo. L'arrestato è stato portato nel centro penitenziario di Secondigliano. (Rre/AdnKronos)
  • Salerno, spaccio nell'agro nocerino-sarnese: 11 misure cautelari

    Blitz carabinieri comando provinciale Salerno e unità cinofile Napoli, 11 dic. (askanews) - Operazione antidroga dei carabinieri del comando provinciale di Salerno nell'agro nocerino-sarnese. Circa settanta militari, con l'ausilio di unità cinofile, hanno eseguito un'ordinanza cautelare, emessa dal gip del tribunale di Nocera Inferiore su richiesta della locale Procura, nei confronti di 11 persone. Sono ritenute responsabili di concorso in spaccio di sostanze stupefacenti, principalmente cocaina. Psc

Chi è online

Abbiamo 18 visitatori e nessun utente online

Contattaci