Carabinieri - News

Carabinieri - News

Servizio RSS - Db_news offerto da www.carabinieri.it
  • SPARA A UN GATTO DAL BALCONE, DENUNCIATO 50ENNE NEL MESSINESE

    MESSINA (ITALPRESS) - I Carabinieri di Pace del Mela hanno denunciato un 50enne, ritenuto responsabile del reato di maltrattamento di animali. A seguito di una chiamata al 112 che segnalava un caso di maltrattamento di un animale, i Carabinieri sono intervenuti e hanno accertato che un uomo, poco prima, utilizzando una carabina ad aria compressa, aveva sparato dal balcone della propria abitazione ad un gatto che si trovava sulla via, ferendo ad una zampa, fortunatamente in maniera non grave, l'animale che e' riuscito a fuggire. L'uomo e' stato denunciato per maltrattamento di animali. In via cautelare, i militari dell'Arma hanno proceduto al ritiro cautelare delle armi e delle munizioni legalmente detenute dal 50enne. (ITALPRESS).
  • PALERMO: SI FINGE CARABINIERE MOSTRANDO TESSERA E DISTINTIVO FAL

    PALERMO (ITALPRESS) - I Carabinieri della Stazione Centro hanno denunciato un 45enne di Palermo per possesso di distintivi contraffatti. L'uomo, fermato ad un posto di controllo a bordo della sua auto, ha dichiarato di essere un carabiniere mostrando ai militari una placca metallica simile a quelle in dotazione alle forze dell'ordine ed un tesserino di riconoscimento dell'Arma dei Carabinieri. Da un attento esame i militari si sono resi conto che per quanto fedeli riproduzioni i distintivi mostrati dal 45enne erano falsi. Inoltre, nel corso degli accertamenti, e' stato scoperto che l'uomo era stato carabiniere ausiliario, in servizio di leva, negli anni 90. Tessera e distintivi, al termine dei controlli, sono stati sequestrati. Sono in corso accertamenti sulle motivazioni del gesto e se si fossero gia' verificati abusi di tale qualita' da parte dell'indagato. (ITALPRESS).
  • TRAPANI: SOLDI PER FINTE PIETRE PREZIOSE, SCOPERTA TRUFFA, 13 INDAGATI

    Palermo, 1 dic. (Adnkronos) - Una banda di truffatori è stata sgominata dai carabinieri di Trapani, che hanno notificato 13 avvisi di garanzia ad altrettante persone ritenute responsabili di truffa aggravata in concorso. Secondo l'accusa i tredici indagati, tutti palermitani di età compresa tra i 26 e i 64 anni e con precedenti di polizia, nel periodo compreso tra ottobre 2017 e giugno 2019, avrebbero truffato svariati cittadini nella provincia di Trapani, arrecando un danno quantificato complessivamente in circa 11.000 euro.  "Gli indagati, in concorso tra loro e con artifizi e raggiri - spiegano gli investigatori dell'Arma -, dopo aver individuato con attenzione la possibile vittima, interpretavano diversi ruoli per farsi consegnare somme di denaro per l'acquisto di finte pietre preziose, valutate da un connivente presunto gemmologo pronto a certificarne il valore assai elevato". Le vittime, convinte della buona fede dei loro interlocutori, consegnavano nelle mani degli autori del raggiro somme comprese tra 140 e 3.000 euro.  (Loc/Adnkronos)
  • Bullismo: estorce denaro a 10 compagni di scuola

    (ANSA) - REGGIO EMILIA, DEC 1 - Avrebbe 'bullizzato' ed estorto denaro ad una decina di compagni di scuola per una somma di alcune migliaia di euro. Protagonista un 15enne residente nella Bassa reggiana che già a inizio novembre era stato arrestato e portato all'istituto penale per minorenni di Bologna, dopo che aveva proposto una sigaretta elettronica a un coetaneo (che poi aveva rinunciato all'acquisto) minacciandolo di morte se non avesse pagato il prodotto. I carabinieri di Novellara, ai quali la vittima si era rivolta, si erano presentati al posto suo all'appuntamento per lo scambio dei soldi. Ora la posizione del giovane si è aggravata durante il prosieguo delle indagini. Gli inquirenti infatti hanno accertato ulteriori casi in cui il ragazzo avrebbe taglieggiato altri con lo stesso modus operandi: si rendeva disponibile a fare da tramite per l'acquisto di sigarette elettroniche o accessori per poi chiedere soldi alle giovani vittime, che per paura di ritorsioni non lo denunciavano. (ANSA).
  • "Furbetti del cartellino", tre denunce nel Cosentino

    (ANSA) - DIAMANTE, DEC 1 - Truffa e falsa attestazione in servizio sono i reati contestati a tre presunti "furbetti del cartellino" dipendenti del Poliambulatorio di Diamante, struttura territoriale dell'Azienda sanitaria provinciale di Cosenza, ai quali i carabinieri della Compagnia di Scalea hanno notificato tre avvisi di conclusione indagini emessi dalla Procura di Paola. I tre, due dei quali residenti a Diamante e uno a Buonvicino, secondo le indagini dei militari svolte tra i mesi di giugno e luglio 2019, si sarebbero ingiustificatamente assentati dal servizio. In particolare un dipendente, in più circostanze, si sarebbe allontanato dal posto di lavoro, senza timbrare in uscita il proprio badge personale, per questioni di carattere privato. Mentre per gli altri due, un uomo in servizio a Praia a Mare e una donna in servizio a Cetraro, l'accusa è diversa. Nello specifico, all'epoca dei fatti, i due avrebbero timbrato i propri cartellini personali, in modalità inizio e fine servizio, nel dispositivo installato all' Poliambulatorio di Diamante per poi successivamente raggiungere le rispettive sedi di lavoro facendo ritenere il tragitto percorso come servizio attivo. Una condotta che ha inevitabilmente posto in errore l'Asp di Cosenza in sede di redazione dei compensi giornalieri dovuti. (ANSA).
  • Pesci siluro sui furgoni, denunciati due giovani bracconieri

    (ANSA) - VILLANOVA MONFERRATO (ALESSANDRIA), 30 NOV - Denunciati per bracconaggio due pescatori di frodo: in due furgoni avevano nascosto dieci pesci siluro ancora vivi destinati probabilmente al mercato dell'Est Europa. I carabinieri di Ozzano, Ponzano e Balzola (Alessandria) hanno sequestrato il pescato e tutto l'occorrente utilizzato da due ragazzi di 20 e 22 anni originari della Romania, per agire nella notte. Sono stati scoperti da una guardia venatoria su una barca mentre pescavano nella Roggia Stura in località Mottanovella a Villanova Monferrato. I furgoni sono intestati a una ditta della provincia di Varese: all'interno sono stati trovati, oltre ad altri attrezzi, undici vasche, un canotto gonfiabile, una rete da pesca di dodici metri, un cavo elettrico per produrre scariche per stordire le prede, un arpione. I pesci, di circa un metro di lunghezza, sono stati liberati. Continuano le indagini per rintracciare complici di quella che è stata identificata come "la banda dei siluri". (ANSA).
  • Picchia la moglie e due figlie, arrestato nel pavese

    (ANSA) - PAVIA, 30 NOV - Ha picchiato la moglie, di 43 anni, e due figlie, di 21 e 16 anni. Le ha maltrattate con violenza davanti agli occhi della figlia più piccola, una bambina di appena 4 anni. E' successo a Marcignago (Pavia), un comune alle porte di Pavia. L'uomo, 48 anni, è stato arrestato dai carabinieri. Secondo quanto è stato accertato dai militari, l'aggressione verso la moglie e le figlie è seguita dopo una discussione per motivi banali. La donna e le due ragazze sono state visitate e medicate al pronto soccorso del San Matteo di Pavia. La moglie è stata giudicata guaribile in 30 giorni, per trauma psichico ed edema nasale con ecchimosi locale. Un mese di prognosi anche per le due figlie, per trauma psichico da violenza fisica ed emotiva. Subito dopo l'arresto, il 48enne è stato trasportato al carcere di Torre del Gallo a Pavia. (ANSA).
  • FIRENZE: STELLA (FI), 'MERCE RUBATA RECUPERATA IN INSEDIAMENTO ROM, SERVE PIU' PREVENZIONE'

    Firenze, 30 nov. - (Adnkronos) - "Un vero e proprio deposito di refurtiva, con centinaia di articoli in pelletteria, è stato scoperto dai carabinieri della stazione di Firenze Peretola durante un controllo all'interno di un insediamento rom abusivo in via del Fossetto. Al termine di una rapida indagine sono state denunciate dieci persone per i reati di ricettazione e invasione di edifici e terreni. Numerosi gli imprenditori di Firenze e Sesto Fiorentino che hanno riconosciuto merce che era stata rubata nei loro capannoni; si tratta dell'ennesimo episodio che dimostra come il problema di una criminalità diffusa vada combattuto con ogni mezzo". Queste le parole di Marco Stella, Presidente del Gruppo Forza Italia in Consiglio Regionale della Toscana e Giampaolo Giannelli, vice-coordinatore provinciale del partito fiorentino. "Il problema della sicurezza - aggiungono Stella e Giannelli - è ormai una questione non solo di percezione, come ci viene spesso detto dall'amministrazione comunale di Firenze e dalle altre della provincia di Firenze, ma una realtà descritta dai numeri e dai fatti. Gli esponenti di Forza Italia a tutti i livelli, da Firenze fino al comune più piccolo, stanno sottolineando già da tempo questa problematica; proprio la scorsa settimana, ad esempio, anche i dati numerici di Scandicci hanno visto un incremento notevole dei fatti criminosi rispetto all'anno precedente. Apprezziamo e ringraziamo Polizia e Carabinieri per l'impegno incessante che viene profuso ogni giorno per stroncare gli episodi criminosi, ma questo non è sufficiente". "Occorre infatti - sottolineano Stella e Giannelli - che le amministrazioni di sinistra prendano coscienza del problema, che la smettano di sottovalutarlo, che adottino le misure preventive necessarie; basti pensare che ogni anno, in base al rapporto de Il Sole 24 ore sulla diffusione della criminalità nelle 107 province italiane, quella fiorentina è sempre tra i primi posti in classifica. Chiediamo quindi maggior prevenzione, maggiore controllo del territorio, avvalendosi anche della Polizia Municipale, azioni mirate a scovare insediamenti abusivi, come quello scoperto ieri, che tra l'altro, viste le dimensioni consistenti, non poteva nemmeno passare inosservato. L'arrivo a Firenze del nuovo Prefetto Alessandra Guidi (che sostituisce Laura Lega, alla quale va il nostro ringraziamento), faccia da volano per arrivare ad una decisa inversione di rotta; un cambio di passo, magari con una immediata convocazione del comitato provinciale per l'Ordine e la Sicurezza pubblica, che consenta di adottare provvedimenti immediati di contrasto alla criminalità". (Zto/Adnkronos)

Chi è online

Abbiamo 29 visitatori e nessun utente online

Contattaci